Come riconoscere se una pianta di marijuana è maschio?

Sapevi che la pianta di marijuana è classificata come maschio, femmina ed ermafrodita? Sì, e ognuna ha le sue caratteristiche che la differenziano dalle altre. Se non sai di cosa stiamo parlando o vuoi saperne di più, continua a leggere!

Cos’è la pianta di marijuana

La pianta di marijuana è una pianta dioica o unisessuale. Ciò significa che produce fiori maschili e femminili su piante diverse, ma può anche produrre piante di entrambi i sessi, che chiamiamo ermafroditi. Una pianta che produce fiori maschili è chiamata pianta maschio e una pianta che produce fiori femminili è chiamata pianta femmina.

 

Quando le piante di marijuana maschio fioriscono, ci offrono una sorta di fiori a campana raggruppati in pannocchie che pendono verso il basso e si aprono rilasciando il loro polline. Le piante femmine, invece, hanno calici a forma di goccia da cui fuoriescono due peli bianchi noti come pistilli. Questi si raggruppano e formano il cosiddetto bocciolo.

L’aspetto di una pianta di marijuana maschio

La pianta di marijuana maschio è quella che produce fiori maschili che, come abbiamo già detto, hanno l’aspetto di piccole palline. Di solito, queste piccole palline compaiono dopo circa 3-4 settimane dalla semina. In realtà, però, queste bustine sono pollini che contengono grani di polline al loro interno. Una pianta maschio non è in grado di produrre germogli, ma è responsabile dell’impollinazione delle femmine. Di conseguenza, compaiono più semi, meno e più piccoli germogli.

 

I prefiori della pianta di marijuana maschio di solito si sviluppano per primi e molto rapidamente. Quando le sacche polliniche si sono aperte, è probabile che inizino a impollinare la maggior parte delle piante nel raggio di 5 chilometri. Se vuoi produrre semi o polline in un ambiente controllato, devi avere una pianta di marijuana maschio. Se questo non è ciò che desideri, ti consigliamo di eliminarli dalla tua coltivazione.

 

Altri segni, ancora precoci, di piante maschili possono includere:

 

  • In genere sono più alte delle piante femmina.
  • In genere sono meno cespugliose delle piante femmina.

 

I prefiori iniziano a crescere dove i rami si uniscono agli steli. Di solito si trova nella parte superiore della pianta. Come abbiamo detto, possono comparire a partire da 3 o 4 settimane dopo la germinazione, quando la pianta ha già 5 o 6 internodi. Ricorda che i loro prefiori sono piccole palline, a volte vengono addirittura chiamate banane. Gradualmente si formano grappoli di fiori maschili.

 

A volte non sappiamo quale seme abbiamo coltivato. A questo scopo, è ideale stabilire dei promemoria per controllare l’evoluzione della pianta quando è il momento. Ricorda che con una sola pianta di marijuana maschio, può impollinare tutte le tue piante femmine e rovinare le tue possibilità di raccogliere cime, poiché lasceranno solo semi che potrebbero o meno produrre piante femmine.

 

Ora che sai come distinguere una pianta maschio dalle altre, non ti resta che dare un’occhiata ai trucchi che ti abbiamo fornito. Se hai una pianta e non abbiamo ancora risposto alle tue domande, aspetta un’altra settimana affinché la pianta sviluppi altri pre-fiori e torna a trovarci!

Per qualsiasi domanda, non esitare a contattarci.

Condividilo
Potresti essere interessato a…
Che cos’è il CBG?

Il cannabigerolo è un cannabinoide non psicoattivo che può essere considerato il “padre” o “cellula madre” di altri cannabinoidi.

Leer más