A cosa serve il CBD? Scopri i benefici che può avere sul nostro corpo

Il cannabidiolo sta diventando sempre più popolare, il che ha portato a un numero crescente di studi scientifici a sostegno dei suoi benefici per la salute. Tuttavia, molti di voi si staranno ancora chiedendo: a cosa serve il CBD?

Noi di Natural Suit conosciamo le proprietà benefiche del CBD e vogliamo fare chiarezza su un argomento di cui si parla molto. Abbiamo già goduto di tutti i benefici che il cannabidiolo può offrirci, vuoi scoprirli anche tu?

Che cos’è il CBD?

Il cannabidiolo (CBD) è uno dei 60 cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis. Ha un carattere terapeutico molto interessante, in quanto non ha un effetto psicoattivo come quello associato al THC.

Inoltre, poiché il CBD è ottenuto dalla canapa che contiene meno dello 0,2% di THC, non c’è la possibilità di assumere accidentalmente THC, quindi possiamo godere delle sue proprietà terapeutiche in tutta sicurezza.

Nel 2017, durante il Comitato di esperti sulla tossicodipendenza, l’OMS ha dichiarato che il cannabidiolo “non crea dipendenza né è dannoso per la salute” e che ha un significativo potenziale terapeutico e medicinale.

In Spagna è
totalmente legale
la produzione e la vendita di prodotti a base di canapa con un contenuto di THC pari o inferiore allo 0,2%. Infatti, è ampiamente utilizzata per trattare alcune malattie e condizioni.

Di seguito ti spieghiamo a cosa serve il CBD e quali sono i suoi benefici.

A cosa serve il CBD: benefici per la salute?

Quando ci chiediamo a cosa può servire il CBD, dobbiamo sapere che può essere utilizzato per alleviare una moltitudine di condizioni e dolori. Ecco alcuni dei loro usi più comuni:

Dolore e infiammazione

Uno degli usi del CBD è sicuramente quello analgesico. Viene utilizzato per ridurre i sintomi di malattie autoimmuni come infiammazioni, artrite o osteoartrite. Infatti, in meno di un’ora, una piccola dose di olio di CBD può lenire dolori e malesseri con estrema facilità. Si tratta di un’alternativa naturale agli antidolorifici in capsule o compresse.

Depressione

Un’altra alternativa per cui il CBD può essere utilizzato è quella di accompagnare il trattamento della depressione.

Il CBD agisce potenziando l’attività dei recettori a cui si collega la serotonina . La serotonina è un neuromodulatore del sistema nervoso umano e regola l’umore, la percezione, la ricompensa, la rabbia, l’aggressività, l’appetito e la memoria. Bassi livelli di serotonina possono portare alla depressione.

L’uso del CBD per la depressione può aumentare la produzione di serotonina.

Ansia e insonnia

Una delle principali proprietà del CBD è quella di ridurre l’ansia e l’insonnia, che è la causa principale dei problemi di insonnia. Esistono studi conclusivi che dimostrano la sua efficacia contro l’ansia, che si traduce in essere più rilassati di notte e addormentarsi prima. Inoltre, il CBD regola il corretto sviluppo delle diverse fasi del sonno, consentendo un sonno più profondo e un riposo migliore.

Il CBD ha proprietà ansiolitiche in quanto attiva i recettori della serotonina, promuovendo un umore positivo e un effetto ansiolitico e rilassante.

Nausea e vomito

Il CBD è particolarmente efficace per combattere la nausea e il vomito causati dalla chemioterapia. Per quanto riguarda i benefici del CBD, questo è uno dei più noti.

Malattie neurologiche

Il CBD offre effetti benefici nel trattamento di malattie come l’epilessia. Infatti, è stato dimostrato che riduce l’insorgenza e l’intensità delle crisi nei pazienti trattati con CBD, oltre a ridurre le crisi di una percentuale significativa, generalmente di oltre il 50% fino alla completa cessazione.

D’altra parte, un altro aspetto dell’utilizzo del CBD è il trattamento della sclerosi multipla. La caratteristica principale della sclerosi multipla è l’infiammazione del tessuto neurale, che il CBD è in grado di ridurre grazie ai suoi agenti antinfiammatori.

Disturbi psicologici e neuropsichiatrici

Uno degli usi del CBD è quello di alleviare disturbi psicologici come l’ADHD, la depressione o il disturbo da stress post-traumatico.

L’ADHD, ad esempio, colpisce molte persone e rende difficile concentrarsi su un compito. L’olio di CBD è un modo per contrastare questi sintomi calmando il sistema nervoso e migliorando la concentrazione.

Combattere le malattie infiammatorie dell’intestino come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa

Secondo l’Osservatorio Spagnolo della Cannabis Medica, il CBD è un potente rimedio contro la colite ulcerosa o il morbo di Crohn, entrambi causati da infiammazioni intestinali che il CBD combatte e riduce grazie ai suoi agenti antinfiammatori.

Effetto antitumorale

Gli effetti antitumorali del CBD sono molteplici e variegati. Questi studi rivelano vitalità cellulare, aumento dell’apoptosi (morte cellulare programmata) specifica delle cellule tumorali, riduzione della crescita del tumore e inibizione delle metastasi, probabilmente grazie alle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie del CBD.

Dipendenze

Si ritiene che il CBD regoli diversi circuiti neurali, come i sistemi glutammatergico e dopaminergico, che sono associati alla tossicodipendenza. Inoltre, è stato riscontrato che il sistema endocannabinoide influenza l’acquisizione e il mantenimento del comportamento di ricerca della droga.

In altre parole, la parte del cervello attivata dall’assunzione di una sostanza che crea dipendenza viene attivata anche dall’assunzione di CBD, il che significa che uno degli utilizzi del CBD potrebbe essere quello di una terapia alternativa per coloro che vogliono curare la loro dipendenza da droghe.

Demenza

La demenza si presenta in molte forme, una delle quali è il morbo di Alzheimer. L’olio di cannabis aiuta a calmare il cervello e ostacola la degenerazione delle cellule e delle sinapsi, combattendo questa condizione.

Salute del cuore

Il CBD ha diversi effetti benefici sul cuore e sul sistema circolatorio, ed è particolarmente efficace per aiutare a ridurre la pressione alta. È stato dimostrato che anche una sola dose da 600 mg di olio di CBD può ridurre significativamente la pressione sanguigna a riposo.

Sindrome premestruale

Tra i 12 e i 13 anni, tutte le donne hanno sperimentato almeno una volta la sindrome premestruale. I sintomi variano a seconda del corpo e dell’organismo di una persona, l’olio di cannabis e altri prodotti a base di CBD possono aiutarti ad alleviare il dolore e a sentirti meglio durante questo periodo del mese.

Migliorare la tua vita sessuale

La cannabis ha dimostrato di essere un modo efficace per ravvivare la tua vita sessuale. Il CBD, un cannabinoide benefico ma non psicoattivo, può essere particolarmente utile per una vita sessuale più rilassata, piacevole ed eccitante.

Speriamo che questo post sia stato utile. Non dimenticare di lasciare il tuo commento, vogliamo conoscere la tua opinione su cosa fa bene il CBD e sui benefici che apporta alla nostra salute.

Condividilo
Potresti essere interessato a…
Effetti del CBD fumato

Il CBD ha molteplici benefici per il nostro organismo e può essere somministrato in molti modi: vai qui e scopri gli effetti del CBD fumato!

Leer más
Effetti della marijuana

Ogni pianta ha un effetto diverso e questo dipende dal suo contenuto. I componenti principali della marijuana sono il THC e il CBD, che quando entrano nell’organismo producono un effetto quasi immediato, che può essere: rilassamento, sonnolenza, felicità…

Leer más